mercoledì 14 dicembre 2011

La giornata più speciale...

(Immagine dal web)

La giornata più speciale della mia vita...
Sarà scontato ma è stata, senza dubbio, poco più di 7 anni fa, quando mi hanno dato in braccio mio figlio per la prima volta. Ho provato una strana sensazione: un misto di felicà e paura. In fondo ho passato 9 mesi ad immaginare quel momento e ora che lo stringevo tra le mie braccia, lo guardavo non riuscendo a dare un nome a ciò che sentivo.
Era mio figlio, era lì e io non riuscivo a crederci.
Avevo paura di tenerlo in braccio. Ero cosciente del fatto che quell'esserino da quel momento in poi sarebbe dipeso totalmente da me  e la cosa un po' mi spaventava.
Era come me lo immaginavo... pieno di capelli e secondo me, come d'altronde pensa ogni mamma del suo piccolo capolavoro, era il bimbo più bello di tutti!!!
Ricordo precisamente la sensazione di aver reciso il nostro speciale legame simbiotico con la sua nascita e l'immediata  consapevolezza, guardandolo negli occhi, che il nostro legame in realtà, si sarebbe solo rafforzato giorno per giorno...
Sono tutte immagini indelebili nella mia memoria.
Certo che mi sono emozionata anche con le altre due mie bimbe... ma con loro ero preparata... col primo invece é stata un'incognita, era tutto nuovo.

Fine della parentesi seria

Immaginatevi la scena.
L'infermiera che mi consegna il mio fagottino come se fossimo al lancio del piattello... e il mio immediato disappunto... Che diamine! Era la prima volta in vita mia che prendevo in braccio un bimbo così piccino... in più mio!!! Suvvia un po' di riguardo!
Mi dice di attaccarlo al seno, mi molla in mano un pannnolino e del cotone. Poi, senza nessuna spiegazione se ne và!
 (...)
Capite? Mi lascia da sola con lui!
Mi alzo come se avessi avuto in mano una tinozza di cristallo...(i miei paragoni sono un po' strani ma a questo punto, avrete pure smesso di farvi domande sulla mia salute mentale!?!) Insomma, non è che fossi un incanto di destrezza e agilità: il mio primo parto è stato allucinante e, diciamo così, la ripresa per i primi giorni è stata un po' lentuccia ... Quindi, dopo aver effettuato manovre su manovre sono riuscita ad appoggiarlo nel fasciatoio. Sì! "Appoggiare" è proprio il termine giusto!
Gli tolgo metà tutina e... l'esperimento ha inizio.
Tolgo il pannolino e caspita! Mi compiaccio mi sembra tutto direi EGREGIAMENTE a posto... insomma, è senza dubbio un maschietto :-)
Era tutto sporco e non sapevo come girarmi, avevo sì un po' di cotone ma era come spalare quintali di letame con una paletta da spiaggia.
"Emmm! Scusa!" alla mia compagna di stanza che ancora non aveva mollato il carico, "... Non è che mi passeresti un quintale di cotone? Graaaazie!"
E poi a rimettere il pannolino altri tre quarti d'ora... avevo paura di fargli male.
"Mannaggia..." pensavo "... iniziamo bene!"

Questo post participa al contest di Gioia

15 commenti:

  1. Grazie mille per la tua partecipazione.. Bellissimo racconto!!!

    RispondiElimina
  2. Io me lo ricordo, eccome, il tuo parto. E' stato proprio guardandoti uscire dalla sala parto sulla sedia a rotelle e con tutti i capelli in aria che sembrava avessi preso la scossa che ho pensato che io IN OGNI CASO, avrei fatto il cesareo! Pero' eri bellissima... PPRRRRR... ;-)

    RispondiElimina
  3. Io di Elly, appena l'ho vista, ho pensato che da davvero bruttina. Che mamma terribile che sono. Ma ora è una splendida fanciulla.
    Il mio primo cambio? A quattro mani con mia sorella che era rimasta con me la prima notte.
    Ho messo il banner dei proverbi sul mio blog!
    Bacioni

    RispondiElimina
  4. @Gioia: baciotti!
    @Antonella Pfeiffer: non è che pretendessi di passare da un salone di bellezza! Ma almeno una pulitina, prima di sbattermi fuori dalla sala parto e farmi vedere da tutti, potevano anche darmela eh! ihihihihi! Ora mi viene da ridere ma ero davvero un mostro!
    @mogliemammadonna: mamma degenere!!! Eheheheh! Scherzo!!! Baciotti!

    RispondiElimina
  5. Anche per me il giorno più speciale è stato quando è nato il mio Lollino.... Sarò banale e scontata, ma per una mamma, la nascita del primo figlio è indimenticabile! Baci!

    RispondiElimina
  6. Io ho "scampato"i primi pannolini perchè ho fatto il cesareo e ci ha pensato mio marito e arrivata a casa era lui l'esperto...bravo direte voi ed effettivamente è stato così...il problema appunto è "è stato" ora col cavolo che lo cambia...casi rarissimi

    RispondiElimina
  7. Beh, il mio parto hai letto com'è andato... e purtroppo ho ricordi confusi dei primi giorni.
    Bimbo fortunato, con una mamma simpatica come te!

    RispondiElimina
  8. @gracy: allora siamo in due ad essere banali e scontate! :-)
    @Ele: un applauso al marito ma solo per il passato e un applausino-ino-ino per i rari casi!!!
    @mafalda1980: certo che so del tuo parto... E meno male che sei qui a raccontarlo!... Nel mio caso chi è andato in sofferenza è stato il mio piccino... Troppo tardi per un cesareo... Ma è andata bene dai!

    RispondiElimina
  9. La parentesi seria era bellissima, ma la seconda parte era meravigliosa :)

    RispondiElimina
  10. Mi fa sempre sorridere il fatto che quando leggo racconti delle mamme e i loro neonati parlano di:amore, sentimenti e pupu! Sempre! hahah!!

    RispondiElimina
  11. @Aice nella Milano delle meraviglie: e dei rigurgiti e delle coliche e .... :-)

    RispondiElimina
  12. L'infertilità è stata e continua ad essere un problema colossale che gli specialisti di tutto il mondo si preoccupano di risolvere. La ricerca continua sia nella direzione delle questioni cliniche - nuovi farmaci, nuovi regimi di trattamento per ridurre i rischi di complicazioni come l'iperstimolazione ovarica, sia nel campo dell'embriologia - nuovi mezzi e metodi di coltivazione degli embrioni, nuovi dispositivi e attrezzature.
    Lo scopo di questa ricerca è di aumentare l'efficacia del trattamento e la nascita di bambini sani. Dai un occhiata e molto interessante- Feskov

    RispondiElimina
  13. Ogni giorno crescono i numeri di copie che hanno difficoltà di avere propri figli. Inizia la tua avventura di genitorialità! Consiglio di visionare il canale canale YouTube . Buona visione

    RispondiElimina
  14. La maternità surrogata in Ucraina con utilizzo servizi di Feskov Human Reproduction Group è il modo più semplice e legale per la felicità di essere genitori. Questa clinica fornisce un servizio di supporto legale, compresa la formalizzazione del passaporto per il bebè per dare il via al viaggio senza impedimenti in qualsiasi paese.

    RispondiElimina

Donne! (È arrivato l'arrotino :-)) Sparate pure quello che vi passa per la testa!!!