giovedì 19 luglio 2012

Non tutto gira intorno al Bingo Bongo

(Immagine dal web)
Ieri mattina, appena sveglia, avevo la salivazione azzerata e una sete esagerata, così mi sono precipitata in cucina in stile cisterna vuota nel deserto.
Per prima cosa ho puntato il lavandino ma, appena ho aperto il rubinetto per fare scorrere l'acqua, ho capito che non era ciò che desideravo. Allora ho aperto il frigo e lì dentro c'erano un numero imprecisato di lattine di coca cola che mi facevano l'occhiolino.
Chi mi segue sa che ho un problema di dipendenza cocacoloide e che, quando la vedo, è sempre una forte tentazione, ma di mattina cerco di non berla.
Di fianco c'erano un paio di albicocche spaurite che mi pregavano di non dividerle, ma io ovviamente non le ho ascoltate e ne ho presa una lasciando sola l'altra per poi chiudere il frigo con un ghigno soddisfatto. 
L'ho lavata, l'ho aperta in due, ho buttato il nocciolo e l'ho mangiata.
Poi è stata la volta di una pesca, di un grappolo d'uva e di una prugna.
E finalmente mi sono sentita dissetata.
Suona la sveglia del telefonino e apro gli occhi, di fianco a me la Piccina continua a dormire.
Mi rendo immediatamente conto che stavo solo sognando. Un sogno imbecille ma pur sempre un sogno!
In bocca sentivo ancora il sapore della pesca.
Ora.
A parte il sogno insensato, mi è sorta una domanda più idiota del sogno stesso.
Naturalmente non posso esimermi dal'esporvela e quindi procedo:
Ma prima di scoprire quali frutti fossero commestibili e quali no, quanti uomini saranno schiattati provandoli?
Visto lo stato mentale in cui mi trovavo, ho deciso che non potevo andare al Bingo Bongo.
Di mercoledì no.
Anche perchè mercoledì è un giorno che mi sta decisamente sulle balle. È in mezzo alla settimana, ne' carne ne' pesce.
Così, all'altezza del Bingo Bongo, abbiamo tirato dritto destinazione: acquisto costume da bagno.
E fxxxxxx!
Caffè e colazione in un bar normale.
Calamita o no ho deciso di dare una svolta e di godermi un po' questa graziosissima cittadina.
I bambini erano contenti, siamo stati nel bar dove andavo sempre due anni fa, ci hanno riconosciuti e sono stati gentilissimi.
Poi dritti verso il negozietto di intimo e costumi da bagno. Appena entrati mi sono diretta tipo Freccia Rossa verso la commessa con fare da rapinatrice (chissà perchè ho dei modi così rudi), ma rendendomene conto, le ho fatto un bel sorriso e le ho detto cosa cercavo: un bikini che mi coprisse il sedere e che non avesse fantasie strane.
Poco dopo me ne ha portato uno che ho immediatamente approvato e comprato.
Poi al supermercatino.
Il mio umore era ottimo.
Finito il giro abbiamo spiegato le vele in direzione Bingo Bongo. Un po' di spiaggia e via a casa a mangiare.
La sera è stata noiosa non meritevole di alcun resoconto.
Ma ho concluso la mia giornata con un'albicocca, una pesca, un grappolo d'uva e una prugna.
Mi piace quando i sogni si avverano, a patto che non si tratti di roba splatter e che io non sia l'assassina.
Bye Bye mie adorate!!!

22 commenti:

  1. Trovare il costume giusto al primo colpo penso sia il desiderio segreto di tutte!
    Tanto di cappello.
    PS: ti sto invidiando tanto tanto, sappilo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto a che ora ho pubblicato? Ho messo a letto i bambini e ho pulito la casa fino a notte fonda. Anzi, mattina. Mi invidi ancora? :-)

      Elimina
  2. Che dire... basta poco per farti felice!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììììì!!!! Basta proprio poco poco!!!

      Elimina
  3. anch'io ho un atteggiamento microchirurgico nello shopping.
    entro in un negozio e chiedo 'avete una gonna bianca di lino a balze sopra il ginocchio?'
    se la commessa dice di no saluto e me ne vò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che quando vado a fare shopping non vedo nulla! È Consorte che mi fa notare le cose e mi spinge a prenderle :-)

      Elimina
  4. Pure io come te e Angela: vado a colpo sicuro, non sono un animale da shopping!
    In compenso le commesse mi amano perché non smonto il negozio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho neanche voglia di provarmi le cose :-)

      Elimina
  5. E già spezzare la routine aiuta!!! Certo che l'unico giorno senza blablabla ...potevi rimandare ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti! Hai ragione anche tu! Ma sai quando hai bisogno di fare qualcosa di diverso perchè sai esattamente chi incontrerai e che farai? Ecco!

      Elimina
  6. Ma l'albicocca che hai davvero mangiato era single o accoppiata?
    Se era accoppiata, tu fai decisamente sogni premonitori! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente accoppiata. Ma poco fa ho provveduto a divorarmi anche l'altra :-)
      Mi piacciono un sacco le albicocche!!!

      Elimina
  7. AH AH AH
    tu Eu hai il dono di raccontare.
    Sul serio.

    RispondiElimina
  8. Io non posso resistere la tentazione di fronte alle ciliege. Invece odio la cocacola :( Però i tuoi racconti e il sentito dell'umore mi piacciono moltissimo!!! Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E così sei immune al fascino della coca cola (mi pare me lo avessi già detto quando ho scritto un post sulla Divina bevanda). Mandami un tuo campione che lo facciamo analizzare. Magari ci si può fare un vaccino!

      Elimina
  9. stanotte cerca di sognare cascate di cocacola :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaaaaah, il Paradiso!!!!!! :-D

      Elimina
  10. Chissà cosa ha pensato la commessa vedendoti arrivare con uno sguardo così determinato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Non oppongo nessuna resistenza e le do tutti i soldi" :-)

      Elimina
  11. bello questo finale con realizzazione del sogno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando posso mi piace realizzarli. Ora sto lavorando ad un sogno deliziosamente culinario

      Elimina

Donne! (È arrivato l'arrotino :-)) Sparate pure quello che vi passa per la testa!!!