mercoledì 8 maggio 2013

Esami del sangue: fatti!


Stamattina sono andata a farmi gli esami del sangue: c'era più gente là che ad un concerto di Lady Gaga. Sono rimasta tutto il tempo in piedi appoggiata all'unico pezzo di muro disponibile. 
E perché era l'unico pezzo di muro disponibile? 
Perché si trovava dietro la porta di ingresso. Ogni tanto fungevo da "usciere" al servizio di  persone anziane e un po' malconce. Così la mia buona azione l'ho fatta e ora posso tornare ad essere sgresa.
Ho aspettato a lungo, tanto che, ad un certo punto, mi sono chiesta se non fossi io a reggere il muro e non viceversa.
Quando è arrivato il mio turno in accettazione la tizia, prima ancora che le consegnassi tutto l'ambaradan, mi ha salutato chiamandomi per nome e dandomi del tu.  
Mi conosce, ovvio. 
Ma io non conosco lei o, nel caso la conoscessi, l'ho dimenticata.
Quando sono entrata nella sala dei prelievi e ho chiuso la porta, mi si è parata davanti una tizia con lo scazzo inside. 
Dopo pochi secondi, mentre avevo l'ago conficcato nel braccio e controllavo la densità del mio sangue con ghigno diabolico, ci ridevo e ci scherzavo come se fosse stata un'amica di vecchia data. 
Finito il tutto, mi ha addirittura accompagnata all'uscita a risate e pacchette sulla spalla e, le persone che aspettavano il loro turno, mi hanno guardata come se fossi una marziana. 
La strada del ritorno è stata faticosa, mi girava la testa e sbandavo un po' a destra e un po' a sinistra. Ancora non è che mi sia ripresa totalmente, a dire il vero. Ma ora mangerò qualcosina. 
Un bacione!!!!!!

10 commenti:

  1. Come non ti sei fermata al bar per cappuccio e brioches dopo il prelievo del sangue? Non lo sai che anche questo fa parte del rituale, oltre ovviamente ad aspettare delle ore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho camminato, camminato e camminato fino ad arrivare al mio solito bar ;-)

      Elimina
  2. una vera giornata alla twilight!

    RispondiElimina
  3. Non così sdolcinata però ;-)

    RispondiElimina
  4. Che agonia a me non trovano le vene e quando le trovano il sangue non esce Sabri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le ho detto: "vedi questa vena? Infilzala pure" ;-)

      Elimina
  5. Io ho un'angiscia terribile ogni volta che faccio gli esami del sangue..dico sempre al l'infermiera di andare piano e di avere un occhio di riguardo per me e loro mi chiedono sempre se voglio distendermi o se ho bisogno di un letto per riprendermi!!
    Facci sapere come vanno gli esami!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta sola sono svenuta, addosso alla mia mamma. Lei è piccolina e a momenti cadeva anche lei ;-) ma è stato tanto tempo fa

      Elimina
  6. quando ti ho vista io sbandavi ancora un pochino... :)))
    oggi pomeriggio di abbandono, mia cara compagna di merende soprattutto del giovedì pomeriggio: niente ghiacciolo azzurro...
    piccolino con la febbre :(

    RispondiElimina

Donne! (È arrivato l'arrotino :-)) Sparate pure quello che vi passa per la testa!!!